Tempistiche, modalità e servizi in caso di cambio fornitore

Ultimo aggiornamento: 24 Novembre 2020
Risposta curata da:
Erika Baldini
Responsabile Call Center, Estra Training, Reclami, Qualità Comm.

Da oltre dieci anni è presente in Italia il mercato libero di luce e gas che permette ai consumatori di poter scegliere il fornitore con il quale stipulare il contratto per le due utenze e la possibilità di cambiare, a seconda di come cambiano le proprie esigenze. Il passaggio di fornitore oggi avviene in maniera molto semplice e con tempi tecnici ben precisi che sono definiti dall'Autorità ARERA. Tuttavia, non ci si deve mai preoccupare rispetto alla possibilità di interruzione del servizio. Il cambio di fornitore sia di gas che di luce, infatti, avviene solo dal punto di vista burocratico per cui non vi saranno interruzioni di fornitura di nessun tipo.

Cambiando fornitore rischio l'interruzione dei servizi di energia elettrica/gas? 

Non ti preoccupare! Cambiare fornitore non comporta nessuna interruzione del servizio di fornitura di gas e luce. Inoltre, non devi fare niente: Estra provvederà per tuo conto a inoltrare la comunicazione di recesso al tuo attuale fornitore per cessare il tuo contratto.     

In caso di cambio fornitore quanto tempo serve per attivare la fornitura?

In caso di cambio fornitore, il servizio di fornitura con Estra avrà inizio circa due mesi dopo la sottoscrizione del contratto e avverrà sempre il primo giorno del mese. La data prevista di inizio fornitura ti verrà comunicata con la lettera di benvenuto.