Tag: Tecnologia

La centrale a batteria di Tesla

Due blackout risolti all’attivo

09 gennaio 2018

Tesla ha mantenuto la sua promessa. Lo scorso novembre a Jamestown, circa 200 km a nord di Adelaide, è entrata in funzione la più grande batteria agli ioni di litio del mondo. Una scommessa vinta per l’amministratore delegato Elon Musk che, a marzo, aveva promesso su Twitter di regalare l’impianto al governo australiano nel caso in cui non fosse riuscito a inaugurare il suo progetto entro questa data.
Questa centrale è uno dei nuovi progetti più importanti della società californiana ed è la più grande del mondo. Il sistema è stato creato per supportare la rete australiana, chiamata a fronteggiare una crisi dell’energia elettrica. Dopo che nel 2016 un blackout ha lasciato senza corrente 1,8 milioni di persone, infatti, lo stato ha quindi intrapreso politiche per incentivare la produzione di energia da fonti rinnovabili. Nella parte orientale del Paese, diverse centrali elettriche a carbone sono state sostituite da impianti eolici che, però, non riescono sempre a soddisfare la domanda di energia, specialmente quando c’è poco vento o i consumi sono superiori alla produzione delle pale eoliche.

La centrale, conosciuta come Hornsdale Power Reserve, dovrebbe entrare in funzione la prossima estate, ma la sua reattività e la sua efficacia sono già state testate per fornire energia elettrica dopo due blackout avvenuti in altre due centrali.


L’ultima volta il blackout ha interessato la centrale di Loy Yang, nel confinante stato di Victoria: la centrale di Tesla ha impiegato soltanto 0,14 secondi per intervenire e fornire i suoi 100 megawatt di potenza al servizio nazionale. Tom Koutsantonis, ministro dell’Energia dell’Australia Meridionale, ha detto che «è stato un record, e gli operatori nazionali sono rimasti scioccati dalla velocità e dall’efficienza con cui la centrale a batteria è riuscita a fornire energia». La settimana precedente, la centrale era subentrata dopo un blackout della stessa centrale impiegando quattro secondi.
Tesla è conosciuta soprattutto per la produzione delle automobili elettriche ma, negli ultimi anni, ha sfruttato le sue conoscenze nel campo delle batterie per differenziare la sua offerta. Sono in aumento i progetti avviati per quanto riguarda lo stoccaggio di energia: dai primi esperimenti alle isole Hawaii alla prima isola , Ta’u nelle Samoa americane, alimentata interamente a rinnovabili. Questo record apparteneva alla California, dove un sistema da 70 MW fornisce energia elettrica per 15mila, ma ci sono anche progetti più umanitari, come quello più recente che ha visto riportare l’energia elettrica a Porto Rico, dopo che l’isola era stata colpita dall’uragano Maria.

×
Energia pulita

Europarlamento: al 35% i target efficienza e rinnovabili al 2030

Approvato a maggioranza l'innalzamento degli obiettivi

Blog 3 innovazioni 2018

Tre innovazioni per il 2018

Quello della domotica smart connessa agli assistenti digitali è sta...

Blog bici mangia smog

Bici mangia-smog

Lo smog va anche eliminato, ed è da qui che nasce l’idea della bici...

Investimenti

E-mobility, censimento per fotografare i Comuni

Iniziativa del Comitato promotore di e-mob per conoscere lo stato d...

Anteprima 3 wuesyf

Un focus Ue su innovazione e politiche commerciali

A Bruxelles la prima riunione del Clean Energy Industrial Forum

Screenshot 17012018

Estra Notizie Gennaio 2018 - Prosegue Energicamente!

Il mondo Estra in 60 secondi: notizie, iniziative e informazioni ut...

Blog anima digitale 16 01

Anima digitale

Lavoro, famiglia, tempo libero: l'io digitale può venirci in soccor...

Porcreo 556x300

Progetto Efficientamento Energetico sede Estra Arezzo

Ottenimento contributo pari al 20% delle spese ammissibili

Toputility 21022017

Carta famiglia, in Gazzetta il decreto attuativo

Tra i benefici anche sconti su bollette luce, gas, acqua e rifiuti

Anteprima pecci

Estra nuovo Socio sostenitore del Centro Pecci

L'ingresso approvato dal CdA della Fondazione per le Arti Contempor...

Tutte le notizie