Tag: Tendenze

Il tuo collega è un cobot

Se il robot è collaborativo

13 marzo 2018

Abbiamo una notizia per voi. Molte aziende italiane stanno cercando nuovi dipendenti. I profili richiesti devono avere le seguenti caratteristiche: flessibilità, efficienza, precisione e attitudine alla collaborazione con i colleghi. Se siete già pronti a inviare il vostro curriculum, aspettate un attimo. Ci siamo dimenticati di dirvi una cosa. Per arrivare a firmare il sospirato contratto d’assunzione, serve un altro requisito: bisogna essere un cobot.
La parola “cobot” è un neologismo formato dalla sincrasi dell’aggettivo “collaborativo” e del sostantivo “robot”. Gli esperti di economia e sociologia concordano nell’attribuire ai robot collaborativi un ruolo fondamentale per il passaggio a una nuova fase dell’industria manifatturiera.
Questo non significa che a breve le macchine, intelligenti e innovative che siano, si sostituiranno completamente ai dipendenti umani nelle fasi di produzione. Vuol dire, piuttosto, che interagiranno con loro in maniera complementare e flessibile. I cobot, infatti, sono progettati in modo sempre più sofisticato e vengono sviluppati per affiancare il personale che si occupa di produrre, costruire, montare, realizzare prodotti e merci di ogni tipo.

A differenza dei tradizionali robot industriali, i cobot non operano al riparo di barriere protettive, ma interagiscono con gli operatori, come veri e propri compagni di squadra, dividendosi compiti e spazi di lavoro.


Un cobot è formato da una struttura verticale a tronco, su cui sono innestate una testa multimediale munita di telecamere e sensori. Le braccia meccaniche sono in grado di svolgere diversi compiti e operazioni, in maniera precisa ma soprattutto sicura. Queste macchine, infatti, sono dotate di meccanismi anticollisione e di telecamere per poter operare senza incidenti. Inoltre, il loro design e i materiali utilizzati per costruirli sono pensati in modo che non rappresentino un rischio per le persone che ci lavorano fianco a fianco.
Il loro crescente successo è dovuto a diversi motivi. Innanzitutto, con il loro impiego, il personale e gli operai specializzati possono delegare ai cobot i compiti più ripetitivi, faticosi e noiosi. Inoltre, è in genere piuttosto facile configurarli e “istruirli”. Il collega umano mostra visivamente al robot il compito da eseguire: la macchina registra, memorizza ed elabora tutte le operazioni attraverso i propri dispositivi hi-tech. E quindi “impara” velocemente e direttamente dal personale che la affianca, che ne diventa tutor e supervisore.
In più, i prezzi di mercato di diversi cobot risultano anche più bassi rispetto a quelli di altri robot industriali.

×
Focus blog open innovation

Il digitale coniuga l’azienda al futuro

Aperti all’innovazione, alle sfide, alle idee, a nuovi modi di conc...

News ef forno luce

Cucinare con la luce

Un paio di specchietti e la luce del sole. A MacGyver bastava poco ...

News voce smart della casa

La voce smart della casa

Salacadula Magicabula, Bibbidi bobbidi bu… L’avete cantata anche vo...

Ef focus kellogs focus blog

La seconda vita del packaging

Un capodoglio spiaggiato sulle coste indonesiane con circa 6kg di p...

News ef treno

Via col vento

A.A.A. Idee per le vacanze di Natale cercasi. Per alcuni, il countd...

News agricoltura deserto

Agricoltura nel deserto

Deserto: solo a pronunciarne il nome, la gola si secca e la mente v...

Blog focus energia mare

Generma e l'energia del mare

Aprite la finestra più vicina a voi: cosa vedete davanti ai vostri ...

Look smart dubai

Il look smart di Dubai

Ci sono moto-droni che sfrecciano nel cielo per sfuggire al traffic...

Blog ef focus spesa carrello smart

La spesa ai tempi del carrello smart

“Passo al volo dal supermercato, prendo giusto due cose!”. Quante v...

Blog ef focus smart water

Smart Water

I nostri corpi ne sono fatti al 60%. Il nostro pianeta ne è coperto...

Tutte le notizie