Tag: Tendenze

Il tuo collega è un cobot

Se il robot è collaborativo

13 marzo 2018

Abbiamo una notizia per voi. Molte aziende italiane stanno cercando nuovi dipendenti. I profili richiesti devono avere le seguenti caratteristiche: flessibilità, efficienza, precisione e attitudine alla collaborazione con i colleghi. Se siete già pronti a inviare il vostro curriculum, aspettate un attimo. Ci siamo dimenticati di dirvi una cosa. Per arrivare a firmare il sospirato contratto d’assunzione, serve un altro requisito: bisogna essere un cobot.
La parola “cobot” è un neologismo formato dalla sincrasi dell’aggettivo “collaborativo” e del sostantivo “robot”. Gli esperti di economia e sociologia concordano nell’attribuire ai robot collaborativi un ruolo fondamentale per il passaggio a una nuova fase dell’industria manifatturiera.
Questo non significa che a breve le macchine, intelligenti e innovative che siano, si sostituiranno completamente ai dipendenti umani nelle fasi di produzione. Vuol dire, piuttosto, che interagiranno con loro in maniera complementare e flessibile. I cobot, infatti, sono progettati in modo sempre più sofisticato e vengono sviluppati per affiancare il personale che si occupa di produrre, costruire, montare, realizzare prodotti e merci di ogni tipo.

A differenza dei tradizionali robot industriali, i cobot non operano al riparo di barriere protettive, ma interagiscono con gli operatori, come veri e propri compagni di squadra, dividendosi compiti e spazi di lavoro.


Un cobot è formato da una struttura verticale a tronco, su cui sono innestate una testa multimediale munita di telecamere e sensori. Le braccia meccaniche sono in grado di svolgere diversi compiti e operazioni, in maniera precisa ma soprattutto sicura. Queste macchine, infatti, sono dotate di meccanismi anticollisione e di telecamere per poter operare senza incidenti. Inoltre, il loro design e i materiali utilizzati per costruirli sono pensati in modo che non rappresentino un rischio per le persone che ci lavorano fianco a fianco.
Il loro crescente successo è dovuto a diversi motivi. Innanzitutto, con il loro impiego, il personale e gli operai specializzati possono delegare ai cobot i compiti più ripetitivi, faticosi e noiosi. Inoltre, è in genere piuttosto facile configurarli e “istruirli”. Il collega umano mostra visivamente al robot il compito da eseguire: la macchina registra, memorizza ed elabora tutte le operazioni attraverso i propri dispositivi hi-tech. E quindi “impara” velocemente e direttamente dal personale che la affianca, che ne diventa tutor e supervisore.
In più, i prezzi di mercato di diversi cobot risultano anche più bassi rispetto a quelli di altri robot industriali.

×
Blog focus cuore verde chianti

Il cuore verde del Chianti

Non serve essere un indovino. Se vi dico la parola “Chianti” penser...

Blog energymoment mondiali

Energia mondiale

Facciamo finta di niente, ma la verità è che non riusciamo a pensar...

Blog news risparmio giugno

Come risparmiare in estate?

Eccoci, ci risiamo. L’arrivo dell’estate, più della politica, divid...

Blog focus agricolus

Spazio ad Agricolus

È l’alba di un nuovo giorno quando il sole fa capolino timidamente....

Blog focus cambiamento climatico

S.O.S. cambiamento climatico

Se l’accordo di Parigi sul clima del 2015 sarà ricordato come una g...

Blog ridurre plastica

Come ridurre la plastica?

Li troviamo camminando per le strade delle nostre città. A volte so...

Blog ruota pieghevole

La re-invenzione della ruota

Il mondo della mobilità è in continua evoluzione. Questa volta a re...

Blog la robotica cambia pelle

La robotica cambia pelle

Siamo abituati a pensare che i robot siano costituiti da un insieme...

Blog casa del futuro

Le case del futuro

Come saranno le case del futuro? Considerando la quantità di soluzi...

Citta%cc%80 hi tech

Le 25 città più hi-tech

Quali sono le città più hi-tech del pianeta? A dare la risposta è l...

Tutte le notizie