Perché acquistare un'auto elettrica?

Ultimo aggiornamento: 23 Novembre 2020
Risposta curata da:
Matteo Vannacci
SBU Mercato Libero

Qualche consiglio (da vero amico) per scegliere un'auto elettrica. 

Che differenza c’è tra un’auto ibrida e un’auto elettrica?

Ogni giorno ormai sentiamo parlare di diversi modelli di auto elettriche o ibride. Ma quale modello scegliere? Facciamo chiarezza! 

  • Veicoli 100% elettrici (cosiddetti BEV ovvero “Battery Electric Vehicles”): hanno come unico sistema di stoccaggio di energia di bordo un sistema basato su accumulo elettrochimico (una batteria). Uno o più motori elettrici provvedono alla generazione di potenza meccanica (e al recupero in frenata). Sono ricaricabili da rete elettrica.  
  • Veicoli ibridi ricaricabili (cosiddetti PHEV ovvero “Plug-in Electric Vehicles): hanno sia un sistema di accumulo a batterie ricaricabili anche da rete elettrica che un più convenzionale motore a benzina (e relativo serbatoio). Il motore termico e quello elettrico provvedono all’erogazione di potenza meccanica (e al recupero in frenata).
  • Veicoli ibridi convenzionali (cosiddetti “Full Hybrid”): hanno sia un sistema di accumulo a batterie ricaricabili non da rete elettrica che un più convenzionale motore a benzina (e relativo serbatoio). Il motore termico e quello elettrico provvedono all’erogazione di potenza meccanica (e al recupero in frenata).

Perché acquistare un’auto elettrica? I vantaggi

Si sente parlare spesso di mobilità elettrica ma per tante persone è ancora un mondo lontano, quasi futuristico. La verità è che l’auto elettrica può essere già l'auto del presente! Sono tanti i vantaggi legati all’uso dell’auto elettrica in Italia, sia economici sia strettamente pratici. E' silenziosa, facile da guidare e non è mai impattata dai blocchi del traffico. A seconda del comune in cui la utilizzerai potrai trovare parcheggi dedicati, possibilità di sosta gratuita nei parcheggi con strisce blu e l’accesso gratuito alle zone a traffico limitato. Sono previsti inoltre a livello nazionale degli incentivi come ad esempio la completa esenzione dal pagamento del bollo per i cinque anni che seguono l’immatricolazione e sconti anche per quelli successivi. Inoltre, Stato, alcune Regioni e Province si stanno organizzando per favorire una diffusione della green mobility ed hanno deciso di offrire un contributo a favore di coloro che sceglieranno di acquistare una vettura elettrica. Anche le polizze dell’assicurazione possono prevedere premi ridotti per le auto elettriche.  E poi, fanno bene all'ambiente e noi, come te, abbiamo a cuore i luoghi dove viviamo. 

Quali caratteristiche considerare per l’acquisto di un’auto elettrica? 

Prima di buttarti a capofitto nel mondo della mobilità elettrica, ti consigliamo di valutare alcuni aspetti. Prima fra tutti la possibilità di ricaricare a casa o su luogo di lavoro attraverso una postazione di ricarica dedicata. Ci sono poi tre elementi fondamentali da prendere in considerazione per scegliere il modello di auto elettrica:

  • capacità della batteria: corrisponde all’equivalente della capacità del serbatoio di un'auto tradizionale e si indica in kWh;
  • autonomia: dipende dalla capacità della batteria. L’autonomia varia anche a seconda di diversi fattori, in particolare: stile di guida personale, condizioni stradali, temperatura esterna, riscaldamento/climatizzazione e preriscaldamento;
  • potenza massima del caricabatteria interno: la potenza del caricabatteria è determinata dalla tensione (monofase: 230V o trifase: 400V) e dalla corrente di ricarica (es. 10A, 16A 24 A, 32 A, etc.) e varia in un range da 2,3kW (ricarica lenta che avviene con il cavo dotato di spina domestica) a 50kW (ricarica veloce in corrente continua). Essa determina la rapidità di ricarica della batteria.

Quanto costa la manutenzione di un'auto elettrica e chi la può fare?

Se stai pensando di acquistare un'auto elettrica e ti stai chiedendo se conviene davvero a livello di manutenzione, sei nel posto giusto.  Acquistare un'auto elettrica conviene perché, oltre a far bene all'ambiente, il costo di manutenzione è inferiore a quello di un’auto a combustione interna tradizionale. Il motore elettrico non ha parti soggette a usura (come ad esempio la frizione) né liquidi di sostituzione come nei veicoli tradizionali ed è quindi più economica e più semplice da manutenere. Anche l’usura delle pastiglie dei freni è ridotta, grazie all’impiego dei sistemi di recupero dell’energia in fase di decelerazione. Infine, la vita di una batteria è paragonabile a quella della vettura e quindi non è soggetta a manutenzione. Ancora indeciso? 

Quanto inquina l’auto elettrica?

L’auto elettrica ha performance ambientali già oggi migliori di tutte le alternative disponibili sia in termini di emissioni di CO2 che di inquinanti, essendo l’unica tecnologia che consente la totale eliminazione delle emissioni locali di ossidi di azoto (NOx) e polveri sottili (PM) durante la guida.

I mezzi elettrici permettono di migliorare la qualità dell’aria. Questo consente di ridurre, soprattutto nelle grandi città, l’impatto diretto sulla salute delle persone, con conseguente diminuzione di spese mediche e sanitarie.

Non dimentichiamo infine l’inquinamento acustico, il rumore del traffico e delle marmitte con cui siamo costretti a vivere ogni giorno. L’auto elettrica è silenziosa e il suo utilizzo consente di migliorare notevolmente la qualità della vita.